PRONTI, PARTENZA, VIA!

Fumegai: borgo fantasma tra i monti bellunesi

29 Marzo 2022
COVER_antichi ricordi di Fumegai
Reading Time: 2 minutes

La Primavera è arrivata e con lei anche il sole, le temperature miti e la voglia di esplorare e muoversi per scoprire nuovi posti.

Oggi vi porto alla riscoperta di un paesino veneto che è stato abitato e abbandonato più volte nel corso della sua storia.

FUMEGAI

L’antico borgo di Fumegai si trova nei pressi di Arsiè di Feltre, in provincia di Belluno.

Questo insediamento nacque alla fine del 1800 a circa 500 metri di altitudine, in un luogo ancora oggi abbastanza isolato e difficile da raggiungere.

Non stupisce che le nuove generazioni abbiano preferito scendere a valle in cerca di un lavoro e una vita migliore.

La borgata era composta da una decina di case. Pare che l’ultimo abitante, un’anziana signora, se ne andò negli anni Venti del 1900 e tutto venne abbandonato.

Circa settant’anni dopo un gruppo di Hippies vi s’insediò per un breve periodo e poi rimase di nuovo tutto abbandonato fino ai nostri giorni, quando un giovane e il suo cane si trasferì da Treviso sulla casa più in alto della borgata. Vivere senza elettricità e acqua corrente non dev’essere per nulla semplice e forse proprio per questo ci rimase solo per qualche mese.

ALLA SCOPERTA DEL BORGO FANTASMA

Visitare i ruderi di Fumegai è come fare un viaggio nel tempo. Le case sono aperte e al loro interno si possono vedere vecchi arredamenti, oggetti, piatti, bottiglie, vestiti, giornali.

Adoro le città fantasma, perché mi piace scoprire la storia che si nasconde tra quelle mura abbandonate.

Visitare Fumegai può essere una meta adatta per una domenica primaverile, per una camminata di un’oretta in mezzo ai boschi (non si può arrivare in macchina!), per curiosare in quel passato che però ancora oggi ci incuriosisce e i più rimpiangono!


Oggi nel blog vi racconto di Fumegai, di come raggiungerla e i tentativi di riportare in vita questa antica borgata!
Leggi l’articolo completo QUI

Giulia “I Viaggi di Giugliver”

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply